homeconsulti gratuiti!oroscopo della settimananewsservizimaling listchi siamocarrello
astrologiatarocchii:chinggrafologiazodiaco tradizionalezodiaco cinese

ARTICOLI >> IL VIAGGIO ASTRALE

La proiezione astrale
Secondo i Teosofi, l'uomo non è solo il prodotto del suo corpo fisico, ma si pensa invece che sia una creatura complessa che consiste di molti corpi, ciascuno migliore e più sottile di quello al "di sotto". Questi corpi dovrebbero essere pensati come un indumento esterno che può essere gettato via per rivelare la nostra vera essenza di essere umani.

Anche se ci sono variazioni nei dettagli, si afferma comunemente che ci sono sette grandi piani e sette corrispondenti corpi (o veicoli). Il meno raffinato di tutti è il corpo fisico, di carne, con il quale abbiamo familiarità. Si suppone che vi sia anche un altro corpo fisico conosciuto e descritto come "sosia eterico" o "veicolo della vitalità". Il sosia eterico è la manifestazione della vitalità fisica. È costante e non muta durante i cicli della vita e morte, ma non è eterno (eventualmente viene re-assorbito negli elementi dei quali è composto). Questo "sosia" agisce come un trasmettitore di energia, mantenendo il corpo fisico più basso in contatto coi i corpi più alti. La sostanza eterica è considerata una estensione del mondo fisico.

Successivamente nella scala si suppone che vi sia il "mondo astrale" ed il suo corrispondente "corpo astrale", o "veicolo della coscienza". Si pensa che queste entità siano più sottili, e quindi anche più difficili da vedere. Si ipotizza che il corpo astrale sia una replica del corpo fisico (il corpo pesante), ma di una più sottile e leggera sostanza, che penetra ogni nervo, fibra e cellula dell'organismo fisico, continuamente in stato di pulsazione e vibrazione supersensibile.

Il mondo astrale consiste di materia astrale, e tutti gli oggetti fisici hanno una replica nel mondo astrale. C'è, perciò, una copia fisica e completa di tutto nel mondo astrale ma, in più, ci sono cose nel mondo astrale che non hanno un corrispondente nel mondo fisico. Ci sono "forme di pensiero" create dal pensiero umano, forme elementari ed anime di morti che non hanno abbandonato il mondo fisico. Tutte queste entità, ed anche molte altre, sono usate nella magia rituale, e le "forme di pensiero" possono essere create appositamente per eseguire compiti come la guarigione, per inviare messaggi, o per ottenere informazioni.

Tutti questi concetti sono importanti a causa del fatto che si immagina che il corpo astrale sia capace di separasi da quello fisico e viaggiare senza lui. Siccome il corpo astrale è il veicolo della coscienza, è solo questo il corpo che ne è consapevole, non quello fisico. Si dice che durante il sonno il corpo astrale lasci il corpo che sta dormendo. Nella persona che non ha mai eseguito alcun esercizio preparatorio, il corpo astrale è vago ed i suoi viaggi sono limitati e senza direzione; ma nella persona addestrata il corpo astrale può essere controllato, e può viaggiare per grandi distanze durante il sonno, oltre a poter essere proiettato fuori dal corpo fisico "a comando": è questa che viene chiamata proiezione astrale.

Nella proiezione astrale la coscienza può viaggiare praticamente senza alcuna limitazione, ma viaggia sempre e solo nel mondo astrale. Non vede, perciò, gli oggetti fisici, ma le loro corrispondenti controparti astrali, oltre a vedere gli esseri che vivono nei reami astrali. Il mondo astrale è noto come il "mondo dell'illusione" o mondo dei pensieri.

Un aspetto del viaggio astrale che è divenuto molto importante in alcuni recenti saggi, sebbene esso sia citato anche nei primi testi teosofici, è la "corda di argento". Si ritiene che nella vita il corpo astrale sia connesso al corpo fisico da una "corda" molto elastica ma forte, di uno sfuggente e delicato colore argentato. Tradizionalmente questa corda deve rimanere collegata o ne conseguirà la morte: difatti più ci si avvicina alla morte e più il corpo astrale si allontana, si alza al di sopra il corpo fisico e poi la corda si rompe per permettere i corpi più alti di allontanarsi. La morte è considerata, quindi, una forma di proiezione astrale permanente.

Prerequisiti per indurre un esperienza fuori dal corpo
Molti metodi utilizzano, come punto di partenza, tecniche studiate per migliorare il grado di rilassamento dei "novizi", l'immaginazione e la concentrazione. Lo stato ideale sembra essere quello del rilassamento fisico, o addirittura della catalessi, combinato con una buona soglia di vigilanza mentale.

Uno dei modi più facili per rilassarsi è quello del rilassamento muscolare progressivo. In pratica questa tecnica consiste nel rilassare i muscoli iniziando dai piedi e dalle caviglie, mettendoli in tensione e poi rilassandoli alternativamente, quindi proseguendo più in alto, con i muscoli delle cosce, del torso, delle braccia, del collo e della faccia, fino a che tutti i muscoli siano stati contratti e quindi rilassati. Eseguita minuziosamente, questa procedura induce a rilassarsi abbastanza profondamente in pochi minuti, e con la pratica diviene sempre più semplice da eseguire.

Il rilassamento induce ad uno stato di paralisi o di catalessi. Quando si va a dormire, il cervello disattiva il meccanismo con il quale noi possiamo utilizzare i nostri muscoli, cosicché diventiamo incapaci di eseguire movimenti fisici che corrispondono a quelli che immaginiamo nei nostri sogni. Molte persone spesso rimangono in questo stato di paralisi appena dopo essersi svegliati dal sonno.

Tecniche per sperimentare il viaggio astrale
Vi sono diversi metodi per fare esperienze al di fuori del nostro corpo, e sperimentare quello che viene comunemente chiamato il "viaggio astrale".

astrologiatarocchii:chinggrafologiazodiaco tradizionalezodiaco cinese
homeconsulti gratuiti!oroscopo della settimananewsservizimaling listchi siamo