homeconsulti gratuiti!oroscopo della settimananewsservizimaling listchi siamocarrello
astrologiatarocchii:chinggrafologiazodiaco tradizionalezodiaco cinese

ARTICOLI >> REINCARNAZIONE

Molte culture di tutto il mondo hanno sostenuto e sostengono da molto tempo, il concetto della Reincarnazione. Una recente inchiesta di Gallup ha rivelato che uno su quattro statunitensi crede nella Reincarnazione.
Reincarnazione significa, letteralmente "ritornare nella carne".
Geoffrey Parrinder, autore e studioso delle religioni mondiali, definisce la Reincarnazione come "la credenza che l'anima si trasferisca, dopo la morte, ad un altro corpo". La Reincarnazione ha un aspetto molto importante nelle religioni orientali dell'Induismo ed il Buddismo. Molte religioni hanno distinte visioni sulla Reincarnazione. Questo è un riassunto generale dei principi basilari. La maggioranza sostiene una visione panteista di Dio. Il panteismo viene dal greco pan che significa "tutto" ed il concetto di teismo che significa "Dio". Nel panteismo, Dio è una forza impersonale formata da tutte le cose; l'universo è Dio e Dio è l'universo. Tutti gli esseri creati sono un'estensione o emanazione di Dio.

Le cose viventi possiedono un corpo fisico ed un'entità immateriale chiamata anima, forza vitale o Jiva.
Morendo, la forza vitale si separa dal corpo ed assume una nuova forma fisica. La legge del karma determina che forma assumerà l'individuo. Questa legge insegna che i pensieri, le parole e le azioni di una persona hanno una conseguenza etica, e determina la sua fortuna in esistenze future. Il Nostro stato presente è il risultato di azioni ed intenzioni realizzate in una vita anteriore. La quantità di karma, buono o cattivo, che abbiamo commesso nella nostra vita presente, determinerà se la forma dell'esistenza futura sarà superiore o inferiore a quella appena passata.

Un'anima passerà da una a milioni reincarnazioni, sia evolvendo verso una forma superiore o verso una forma inferiore di vita per pagare il debito con il karma. Questo ciclo di Reincarnazione si chiama  "la legge di Sansara". Con il tempo, l'anima pagherà il suo debito con il karma brutto e si libererà  del ciclo della Reincarnazione, e potrà unirsi a Dio. Questa liberazione del ciclo di Reincarnazione si chiama Moksha.
Si considera che l'anima è prigioniera in un corpo, e deve essere liberata al fine di riunirsi in unità con il Divino.

Ogni scuola di pensiero varia nel suo insegnamento in relazione a come uno riesce a raggiungere la liberazione finale del ciclo della Reincarnazione. La maggioranza concorda che la forma umana può riuscire a trovare l'unità con il divino. La liberazione della cattività del corpo può essere raggiunta attraverso diversi mezzi. Alcuni scuole insegnano che, mediante l'illuminazione l'uomo arriva alla conoscenza, alla meditazione e alla canalizzazione. Altre scuole insegnano che la liberazione avviene attraverso la fede e il servizio ad una divinità o ad una manifestazione specifica dalla cosa divina. A cambiamento, la divinità l'aiuterà nella sua ricerca del Moksha. Altre scuole insegnano che una persona può riuscire a raggiungere la liberazione attraverso la disciplina e le buone opere.

Gran parte dell'insegnamento sulla Reincarnazione in Occidente è adattata degli insegnamenti delle religioni Orientali. Esistono evidenti avvenimenti che dimostrino che la Reincarnazione è vera e li esamineremo di seguito.

Uno dei principali studiosi della Reincarnazione, il Dr. Ian Stevenson, rettore della facoltà di psichiatria dell'università della Virginia, crede che ci sia un'evidenza convincente a beneficio della Reincarnazione.
Gli studi hanno portato a tre punti chiave:

  • regressione ipnotica,

  • déjà vu,

  • xenoglossia.

La regressione ipnotica.
I sostenitori della Reincarnazione citano esempi di persone che danno descrizioni vivide e precise di individui, posti ed eventi che la persona non avrebbe potuto conoscere prima. C'è oggi un piccolo ramo della psicologia che pratica la terapia di vite passate, la credenza che i problemi presenti di una persona sono i risultati di problemi di una vita anteriore.

Tuttavia, la precisione dei dati, ottenuti dell'ipnosi, continua ad essere altamente discutibile. In primo luogo, si sa che alcune persone hanno mentito anche sotto ipnosi. In secondo luogo, la memoria umana è soggetta a distorsioni di ogni tipo. Terzo, sotto ipnosi la percezione di un paziente altera la fantasia e la realtà si dilegua.
Il Dr. Kenneth Bowers, psicologo dell'Università di Waterloo, ed il Dr. Jan Dywane, di McMaster University, dicono: "...sebbene l'ipnosi aumenta la memoria, aumentano anche la possibilità che l'individuo possa commette errori". Nel suo studio, gli individui ipnotizzati ricordarono il doppio di articoli letti dai membri di un gruppo di controllo non ipnotizzati, ma commisero anche tre volte la quantità di errori"

Altri studi hanno dimostrato che, sotto ipnosi, i pazienti sono influenzati facilmente dalle domande.
Nel processo dell'ipnosi, è chiesto al paziente di abbandonare il controllo della sua coscienza ed il suo corpo.
Hans Holzer
dice: "In generale, le donne sono più facili da ipnotizzare che degli uomini. Ma ci sono eccezioni, nonostante tra le donne, che possono avere difficoltà di abbandonare il controllo del loro corpo e della personalità, esistono certi casi in cui le donne sono a gran lunga più idonee a tale scopo".
In questo stato, le memorie possono essere alterate dagli indizi dell'ipnotizzatore. Per queste ragioni, in molti tribunali non viene considerato attendibile la testimonianza resa sotto ipnosi perché è ritenuta non affidabile.

Anche la memoria di vite passate può attribuirsi all'influenza della cultura. Le culture fortemente intrise della dottrina della Reincarnazione creano un ambiente idoneo alla memoria di vite passate. I paesi dell'India, Sri Lanka, Myanmar, ex Birmania, ed Asia occidentale hanno una quantità molto alta di casi. Molti affermano di avere memoria di vite passate. Se la Reincarnazione è vera, la memoria di vite passate dovrebbe essere predominante in tutte le culture, e non principalmente in una sola regione.

Il déjà vu.
Con tale espressione si indica il fenomeno per cui un soggetto ha la sensazione di aver già vissuto un certo evento, di essere già stato in un certo luogo, di aver già conosciuto una certa persona,  pur essendo certo, a livello razionale, di non essersi mai trovato in una tale situazione. Secondo alcuni il déjà-vu sarebbe una evidenza diretta della Reincarnazione. In altre parole noi avremmo già vissuto in una vita precedente la stessa esperienza che stiamo vivendo in un dato momento. Tuttavia, gli studiosi danno spiegazioni alternative. Al nostro inconscio, spesso riferiamo un evento presente con uno passato che la mente cosciente non ricorda. Dato che i due eventi sono simili, spesso li fondiamo nella nostra mente, e quando questo accade abbiamo l'impressione di averla sperimentata prima. Altri studiosi hanno dimostrato che a volte, i dati che entrano dall'occhio si soffermano un micro secondo prima di procedere verso il cervello. Questo porta  a pensare che qualcosa visto di recente possa essere gia vissuto precedentemente, magari in un altra vita. 

Xenoglossia.
La Xenoglossia è la capacità repentina di parlare una lingua che uno non ha imparato mai. Coloro che credono nella  Reincarnazione attribuiscono questa dote grazie ad una vita passata. Tuttavia, la Criptomnesia può spiegare benissimo questo. Nella Criptomnesia, una persona dimentica informazione che ha imparato anteriormente e la ricorda posteriormente, senza sapere la sua origine. È possibile che uno possa ascoltare termini stranieri attraverso i mezzi o da bambino, e li ricordi davanti ad un'indicazione.

Confrontiamo ora i diversi punti tra la resurrezione e la Reincarnazione:
In sintesi, questi sono le differenze:

  • la Reincarnazione insegna che la migrazione dell'anima avviene durante molte vite,

  • nella resurrezione accade una volta sola.

  • la Reincarnazione insegna che abitiamo molti corpi differenti

  • la resurrezione insegna che abitiamo un solo corpo nella terra ed un corpo immortale glorificato nel cielo che assomiglia al nostro corpo terreno.

  • la Reincarnazione insegna che siamo in un progresso evoluzionista verso l'unione con Dio

  • la Resurrezione insegna che arriviamo immediatamente al nostro stato ultimo dopo essere morto.

Abbiamo visto che il concetto di Reincarnazione era diffuso, in varie forme ed attribuzioni, già presso i popoli primitivi, come tra le popolazioni agricole del Sudan, dove ritengono che i morti si reincarnino in membri del proprio gruppo etnico. Erodoto accennò vagamente alle credenze nella Reincarnazione presso gli antichi Egizi.
I movimenti orfici sottolinearono il valore della Reincarnazione come mezzo di espiazione dell'anima, decaduta ed imprigionata nel corpo, per riacquistare la purezza originaria e la perfezione dell'esistenza divina immateriale.
Alla teoria orfica si richiamarono alcuni filosofi tra cui Empedocle, Pitagora e soprattutto Platone, che la utilizzò per dimostrare l'immortalità dell'anima.
Anche nella letteratura greca ci sono riferimenti all'idea della Reincarnazione, specie con Pindaro che, nel frammento 133, riferisce come Persefone, avuta soddisfazione dai Titani uccisori di suo figlio Dioniso-Zagreo, fece ritornare sulla terra le anime di uomini destinati a diventare re, eroi o grandi saggi.
In India i primi accenni alla Reincarnazione, sconosciuta nei Veda, sono nella letteratura brahmanica, dove si parla della necessità di compiere sacrifici per evitare il dolore della rinascita. Nelle Upanisad si afferma che la rinascita ed il destino di ogni essere umano di pendono dal karman, cioè dal frutto delle sue azioni nella vita precedente.
Il problema della liberazione dell'anima dalla catena infinita delle successive esistenze è fondamentale nelle religioni indiane. Il Buddismo indica nella non conoscenza e nel non desiderio la via della salvezza che conduce al Nirvana.
In tempi più recenti soprattutto i cultori della teosofia e dello spiritismo hanno riproposto le antiche dottrine della Reincarnazione come ritorno periodico delle anime sulla terra.
La chiesa cattolica, sulla base della dottrina tomista, secondo cui ogni anima ha un rapporto esclusivo con il proprio corpo, ha condannato ogni forma di credenza nella Reincarnazione. Essa rappresenta un fenomeno che sta sempre più attirando l'interesse dell'occidente.
Al contempo vi risulta sempre più diffusa la credenza nella "causalità", con conseguente abbandono della "casualità", il che comporta l'adozione graduale del concetto karmatico, dal termine "Karma", di cui è ormai sufficientemente noto il significato, ma che è comunque preferibile chiarire. Karma deriva da "Karman", che in sanscrito significa "atto". Secondo il pensiero religioso indù, buddista e jaina, esso rappresenta l'insieme delle azioni, buone e cattive, compiute dall'individuo nel corso della sua esistenza. Ciascuna azione produce un frutto (phala), o conseguenza, che costringe lo spirito (åtman), ad emigrare di esistenza in esistenza, fino all'estinzione del Karma stesso. Tale trasmigrazione di corpo fisico in corpo fisico, viene da noi definita "Reincarnazione".
Essa implica che, alla morte del corpo, lo spirito (immortale) si separa, se ne distacca, per poi rientrare in un altro corpo, dopo un certo tempo.
La Reincarnazione comporta la possibilità di rinascita in corpi fisici di natura prevalentemente umana.

Ben diversa caratteristica riveste invece la "metempsicosi", fulcro delle dottrine teosofiche, che ammette il passaggio dello spirito di corpo in corpo, intendendo per corpo l'intera natura, ovvero minerali, vegetali, animali e uomo.
Si tratta di una credenza antichissima, tipica dell'Egitto faraonico, dell'India, dell'Orfismo (Pitagora, Empedocle), purificata da Platone per collegamento alla teoria delle idee e dei rapporti tra corpo corruttibile e verità eterne.
La chiesa Gnostica la fece propria, aggiungendo al tradizionale significato morale ed espiatorio quello conoscitivo. Indubbia la validità di questa dottrina ma, restando nel tema, si può affermare che la nostra cultura, le nostre religioni, gli stessi dogmi che le caratterizzano, sembrano negare in assoluto la possibilità che l'uomo possa essere soggetto alla ruota morte e rinascita. Eppure è una caratteristica dell'intera natura. Non c'è vegetale che non si rigeneri da un seme, macerato dapprima nel grembo della terra, per poi rinascere e dare origine ad una nuova pianta.
Non c'è animale che sfugga allo stesso ciclo, così come non c'è bruco che non rinasca farfalla.
L'essere umano non può costituire un'eccezione a tale comune, perfetta regola naturale. La riconosciuta levatura degli innumerevoli personaggi che si sono occupati di questo tema nel corso dei secoli, può perlomeno giustificare l'interesse, lo studio e la discussione dell’argomento. Un ricco e sapiente volume, edito nel 1961 da Joseph Head e S.L. Cranston, elenca innumerevoli citazioni di grandi personalità sul tema della Reincarnazione. Significative quelle comprese nella sua prefazione, tra cui "Se l'immortalità non fosse una cosa vera, poco importerebbe della verità di tutto il resto", nonché un discorso significativo e di chiara logica che si ritiene opportuno riportare integralmente: "Vivere è considerato all'unanimità un viaggio lungo una strada impervia. E una strada impervia che porta in nessun posto, vale la pena di un viaggio? Un mero vivere: che fatica senza senso; ed un mero vivere doloroso: che assurdo! Allora non esiste nulla in cui sperare, nulla da attendere e nulla da fare, salvo che aspettare il proprio turno di salire il patibolo e dire addio a questo colossale sbaglio: il mondo è pieno di rumore per nulla. Pensateci, pensateci anche un solo momento. Proclamate agli uomini che la "Morte" è la sola immortale, e non sarà facile consolarli dello spreco di tanto coraggio, di tanta sopportazione, di tanta fede, di tanto affetto, di tanta dolcezza gettati nel vuoto, se rievocano i cuori fedeli, i volti amici, le intelligenze vigorose per sempre scomparsi. Al di là di tutto questo incombe forse quel pensiero che la morte sembra proclamare, il pensiero della frustrazione e di una fondamentale inanità nel cuore delle cose, la radice stessa della disperazione del pessimista. Rassicurateli invece che non è così, e la scena cambia. L'orizzonte si schiarisce, la porta si schiude a possibilità insospettate, le cose cominciano ad includersi in un disegno comprensibile. Se voi non trovate qui, fra uomini che pensano, anche se riluttanti ad ammettere il convincimento che nasce dal loro meditare il perno della situazione umana, la domanda tesa a quella risposta intorno a cui tutto volge, non so dove andare a cercare. Immortalità è un termine che garantisce la stabilità, il permanere di quella qualità unica e preziosa che noi scopriamo nell'anima, qualità che, una volta perduta, toglie ogni valore ad ogni cosa al mondo." All'autore, W. Macneile Dixon, nel corso della conferenza in cui nel lontano 1936 aveva tenuto il discorso succitato, fu chiesto: "Quale tipo di immortalità potremmo concepire?"
La risposta fu: "Fra tutte le dottrine di una vita futura, la palingenesi o rinascita, dalla quale scaturisce l'idea di preesistenza, è di gran lunga la più antica e la più diffusa, l'unico sistema cui la filosofia può dare ragionevolmente ascolto".

Diviene arduo a questo punto sforzarsi di continuare a considerare la Reincarnazione come pura utopia sentimentale. Un professore universitario piuttosto famoso, naturalista e pragmatico, si era dedicato a spiegare il comportamento umano in termini di condizioni ambientali. Al termine del ciclo di lezioni tenute su questo argomento, confessò la propria confusione. Quanto gli sarebbe piaciuto credere in quello che aveva detto ai suoi allievi. Ma non poteva scacciare il pensiero che ciascun uomo pare nascere con qualcosa, che né l'eredità né l'ambiente possono spiegare: come il fatto che tra i figli d'una stessa famiglia esistano contrasti caratteriali essenziali, che non possono che colpire, e che non hanno spiegazioni etiche od ereditarie. Platonici, e soprattutto neoplatonici, si sforzarono di spiegare le differenze fra varie unicità, arrivando a fondere i tre termini eredità, ambiente ed anima, una fusione adatta ad esprimere ogni cosa. Qui la filosofia della preesistenza, coinvolgente ulteriormente successive rinascite della medesima individualità essenziale, si fa particolarmente stimolante.
Lo studio del buddismo Zen porta a significati vitali, validi per ogni studioso di psicoanalisi. Conduce infatti l'uomo a trovare una risposta al problema della sua esistenza, una risposta fondamentalmente identica a quella reperibile nella tradizione giudaico cristiana, pur tuttavia non in contraddizione con razionalità, realismo ed indipendenza, che sono le eredità preziose conseguite dall'uomo moderno. Paradossalmente parrebbe proprio che la religiosità orientale si riveli più congeniale al pensiero occidentale della stessa religiosità occidentale.
Abbiamo già visto come diversi possano essere i termini usati nel tempo per definire il fenomeno: rinascita, trasmigrazione, Reincarnazione, palingenesi e metempsicosi.
Pur sottilmente differenziandosi tra loro, assumendo ciascuno un significato distinto, definiscono sempre la stessa cosa, l'identico principio. Opportuna la citazione di quanto sostenuto da Ian Stevenson, che nel 1959, trattando "La prova della sopravvivenza da insistiti ricordi di precedenti incarnazioni", sosteneva: "L'autore di una rassegna di questo genere ha il privilegio, e forse l'obbligo, di dire come ne interpreti personalmente i dati. Pertanto affermo che l'ipotesi per me più plausibile a spiegare i casi esaminati sia la Reincarnazione Questo non significa certo che io li ritenga prove della Reincarnazione. Non lo sono affatto. Ma se esamino altre ipotesi, scopro obiezioni o carenze tali da rendermele inadatte a spiegare tutti i casi esaminati, anche se sono utili per alcuni. La serie di prove considerate non garantisce alcuna definitiva conclusione sulla Reincarnazione; tuttavia giustifica uno studio di questa ipotesi molto più esteso ed aperto di quanto non sia avvenuto finora in occidente. Ulteriori ricerche nel campo dei ricordi apparenti di incarnazioni anteriori varranno molto probabilmente a consolidare la Reincarnazione come la spiegazione più plausibile di queste esperienze. Per questa via giungeremo forse ad ottenere prove più convincenti di una sopravvivenza degli uomini alla morte fisica. Nelle comunicazioni cosiddette medianiche, il problema sta nel provare che una persona palesemente morta continui a vivere. Nel valutare i ricordi apparenti di precedenti incarnazioni, il problema consiste nel giudicare se una persona palesemente viva, un tempo morì.
Questo può rivelarsi il compito più facile e, se perseguito con sufficiente zelo e con risultati attendibili, può contribuire decisamente a chiarire il problema della sopravvivenza
".

Al riguardo occorre valutare attentamente alcuni pensieri trasmessi da Sant'Agostino, probabilmente il più celebre fra i cosiddetti Dottori della Chiesa: "Il messaggio di Platone, il più puro, il più luminoso di tutta la filosofia, ha finalmente dissipato le tenebre dell'errore, ed ora traspare soprattutto attraverso Plotino, platonico tanto simile al suo maestro da far credere che abbiano vissuto l'uno insieme all'altro, o meglio, dato che così lungo periodo di tempo li separa, che Platone sia rinato nella persona di Plotino" (Da Contra Academicos).
Ed ancora: "Dimmi, o Signore, dimmi se la mia infanzia successe ad altra mia età morta prima di essa. Forse era quella l'età che io trascorsi nel grembo di mia madre ... e prima ancora di quella vita, o Dio, mia gioia, fui io, forse, in qualche luogo, od in qualche corpo? Non ho nessuno che possa narrarmi di questo, né padre, né madre, né esperienza d'altri, né la mia memoria". (Da Le confessioni).
Inoltre, ecco ancora la citazione di un brano significativo, tratto da un'epistola indirizzata da Sant'Agostino a Demetriade, su cui vale davvero la pena di riflettere a fondo.
Vi si sostiene: "Fin dai tempi antichi, la dottrina della trasmigrazione è oggetto di insegnamenti segreti ad esigui gruppi di persone, in quanto Verità tradizionale da non divulgarsi".
Purtroppo il V Concilio Ecumenico, manovrato dall'imperatore Giustiniano e contro la volontà dello stesso papa Vigilio (553 d.C.), ha decretato, oltre a ben quindici diversi anatemi antiorigeniani, la totale esclusione dalla dottrina cristiana del concetto di preesistenza dell'anima e quindi, naturalmente, della Reincarnazione.
Al suo posto venne invece introdotto un nuovo dogma, quello riguardante la resurrezione della carne, tuttora valido ed ipersfruttato, a dispetto di ogni logica considerazione del suo principio, che è qui sinteticamente enunciato:
"Il giorno del giudizio, al suono delle trombe celesti, ogni uomo resuscita dalle proprie ceneri, riacquistando le sue originali sembianze, le sue caratteristiche psicofisiche, per un tempo senza fine".
Non occorre ricorrere a speculazioni filosofiche per respingere tale ipotesi, estremamente superficiale ed poco teologica, essendo sufficiente il buon senso. Ci sarebbe da credere che il risorto abbandoni ogni vizio o difetto adottando esclusivamente virtù, senza peraltro mutare la propria personalità. Per quanto riguarda il corpo e le caratteristiche fisiche, pur trascurando bellezza o bruttezza che possono essere considerate semplici opinioni, indubbiamente certi difetti somatici, quali gibbosità o simili, sono caratteristiche fisiche dell'individuo.
Rimarrebbero forse per sempre?
Non resta che sperare in un corpo fisico risorto in copia riveduta e corretta rispetto alle originali sembianze mortali. Oppure auspicare che ogni tipo di difetto sia escluso dai parametri dell’individuo ricostruito. Lo stesso sesso può dare adito a perplessità ben pertinenti. Sarebbe un destino ben misero davvero, poiché tali caratteristiche condizionano, e quindi limitano, anche il più comune essere umano, in quanto ragionante. Un destino antitetico alla naturale tendenza al miglioramento, alla conoscenza, già in questo mondo, e quindi ancor più in un regno celeste che non conosca fine. Infine risulta proibitivo pensare ad una connivenza psicofisica in un ritrovato Paradiso Terrestre dell'uomo primordiale delle caverne con l'uomo moderno ed ancor più con quello del futuro.
Che dire del fatto che solo recentemente la Chiesa ha abrogato il suo veto alla cremazione, la più antica e civile delle sepolture adottate dall'uomo, per secoli punita con la scomunica poiché implicante la totale distruzione del corpo fisico. Forse che l'Essere Perfetto ed Onnipotente incontrerebbe umane difficoltà nel ricomporre integralmente un corpo incenerito. Sempre ammesso e non concesso che costituisca Verità la cosiddetta resurrezione della carne. Rimediare oggi sarebbe, per la Chiesa di Roma, un colpo micidiale a quel Potere temporale cui pare proprio non intenda rinunciare, un potere basato prevalentemente sul "ricatto", imponendo l'alternativa "o credi in me o ti attende la pena eterna dell'Inferno".
Opportuno ripetere quanto tale atteggiamento sia in netta contraddizione con la Spiritualità, su cui peraltro la Chiesa insiste a vantare diritti esclusivi di rappresentanza, nonostante le recenti ma troppo diplomatiche proclamazioni ecumeniche. Se fosse soltanto prudenza, che dire dei secoli di ritardo con cui il Vaticano ha recentemente deciso di annullare un assurdo decreto di scomunica, graziando il povero Galileo Galilei per le sue incaute tesi sul sistema solare. Viene da pensare che Dante Alighieri non sarebbe certo sfuggito al rogo, se non avesse celato per gli intelletti sani la dottrina che s'asconde sotto il velame de li versi strani.
Questo perché la sua Commedia non evidenzia certo quanto il suo autore pensava e sapeva (chi sa davvero leggere tra i suoi versi non ha dubbi al riguardo) sulle tre dimensioni, trasformate nei tre pseudo regni dell'oltretomba.

astrologiatarocchii:chinggrafologiazodiaco tradizionalezodiaco cinese
homeconsulti gratuiti!oroscopo della settimananewsservizimaling listchi siamo